Stampa

Attualità

Giovedì, 14 novembre 2019

Fermare i disastrosi interventi sul Sempione

Il Vecchio Ospizio (Alter Spittel) e la Barralhaus sul Sempione VS (2010). Foto Hp. Baumeler Wikipedia CC BY-SA 4.0

Stampa

Circa 10’000 persone si oppongono ai devastanti interventi previsti sul Sempione. La consegna della petizione ai rappresentati del DDPS avviene il 15 novembre davanti a Palazzo federale. L’Heimatschutz ha inoltre deciso di contestare gli interventi presentando un’opposizione.

Insieme alla sua sezione altovallesana, l’Heimatschutz Svizzera si oppone alla realizzazione di una pista per mezzi corazzati e di un nuovo edificio sul Sempione voluti dal Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS). Il progetto è in stridente contrasto con l’eccezionale valore paesaggistico e culturale del Passo del Sempione. 

Il sentiero Stockalper, il Vecchio Ospizio (Alter Spittel) e la Barralhaus, autentiche perle del patrimonio architettonico nazionale e testimonianze storiche del paesaggio del Sempione, verrebbero a trovarsi nelle immediate vicinanze delle nuove costruzioni. 

Nell’opposizione presentata il 12 luglio 2019, l’Heimatschutz Svizzera e la sua sezione altovallesana criticano la mancanza di riguardo per questi preziosi beni culturali ed esortano i committenti a una completa revisione del progetto, chiaramente sovradimensionato. Secondo l’Heimatschutz è assolutamente necessario un intervento della Commissione federale dei monumenti storici (CFMS) al fine di bilanciare con attenzione tutti gli interessi in atto.

Il ricorso dell’Heimatschutz è accompagnato dalla petizione «Stop Panzerpiste Simplon», che in soli due mesi e mezzo ha raccolto quasi 10’000 firme. La consegna della petizione ai rappresentanti del DDPS è prevista venerdì 15 novembre 2019 alle 9:30 davanti a Palazzo federale (ala est). 

Per informazioni e domande:
Stefan Kunz, Segretario generale dell’Heimatschutz Svizzera, stefan.kunz(at)heimatschutz.ch, 044 254 57 00 e 079 631 34 67

Thomas Summermatter, Heimatschutz Alto Vallese, summermatter(at)oberwalliserheimatschutz.ch, 079 291 49 40

Maggiori informazioni

Trovate maggiori informazioni sull'Heimatschutz Svizzera nelle pagine in tedesco e francese del sito:  

 

> deutsch

> français